Written by 22:42 News • One Comment

Nuove disposizioni Coronavirus : chiudono tutte le attività commerciali e di ristorazione

Nuove disposizioni Coronavirus. Credit by: notizie.yahoo.com

Nuove disposizioni per il Coronavirus. Il Presidente Conte durante la nuova conferenza stampa andata in onda oggi, mercoledì 11 marzo 2020 ha ristretto ancora di più le misure già intraprese con il decreto “Io resto a casa”.

Le nuove disposizioni del Coronavirus prevedono nuove restrizioni

Le nuove disposizioni prevedono:

  • Chiusura totale di :ristoranti, bar, tutte le attività di ristorazione, centri estetici e parrucchieri
  • Sono garantite invece le aperture di supermercati e farmacie
  • Mezzi pubblici garantiti
  • Impianti di produzione invece rimangono attivi pur dovendo seguire tutte le disposizioni previste

Di seguito inoltre riportiamo le parole esatte del Presidente Conte:

Ora questo è il momento di compiere un passo in più, quello più importante. L’Italia rimarrà sempre una zona unica, l’Italia protetta. Ma ora disponiamo anche la chiusura di tutte le attività commerciali, di vendita al dettaglio ad eccezione dei negozi di genere alimentari, di prima necessità, delle farmacie e delle parafarmacie. Non è necessario fare nessuna corsa per acquistare cibo nei supermercati. Chiudiamo però negozi, bar, pub, ristoranti, lasciando la possibilità di fare consegne a domicilio. Chiudono anche i parrucchieri, i centri estetici, i servizi di mensa che non garantiscono la distanza di 1 metro di sicurezza. Per quanto riguarda le attività produttive e professionali, va attutata il più possibile la modalità del lavoro agile, vanno incentivate le ferie, i permessi retribuiti per i dipendenti, restano chiusi i reparti aziendali che non sono indispensabili per la produzione. Industrie e fabbriche potranno continuare a svolgere le loro attività a condizione che dispongano protocolli di sicurezza adeguati a proteggere i propri lavoratori. Resta garantito il servizio dei mezzi pubblici necessari tra cui i trasporti, i servizi di pubblica utilità, i servizi bancari, postali, finanziari e assicurativi. (…) Dobbiamo limitare gli spostamenti alle attività lavorative, per motivi di salute, per necessità come fare la spesa. Il consiglio dei Ministri ha approvato lo stanziamento di 25 miliardi di euro per far fronte alla difficoltà che il Paese sta vivendo a causa del Coronavirus. Stiamo facendo tutto ciò che è necessario, con ogni strumento a disposizione. Insieme ce la faremo.”

Nuove restrizioni da aggiungere a quelle già precedentemente annunciate lo scorso 8 marzo

Le nuove disposizioni per il Coronavirus si aggiungono a quelle già precedentemente annunciate nel decreto “Io resto a casa” . Ricordiamo qui i punti principali:

  • Spostamenti solo se necessari fino al 3 aprile
  • Divieto di uscire da casa per chi ha sintomi respiratori o febbre a 37,5  o maggiore
  • Non si possono frequentare zone affollate e vietata ogni forma di assembramento
  • Possibili i servizi di spesa online o consegna a domicilio
  • Chiusi pub, cinema e discoteche fino al 3 aprile
  • Sospensione didattica di scuole e università fino al 3 aprile

Rimaniamo in aggiornamento per tutte le nuove informazioni che ci saranno a riguardo.

 

(Visited 137 times, 1 visits today)
Tag:, , Ultima modifica: 11 Marzo 2020
Chiudi