Written by 15:41 Chiacchiere cantautorali

Vasco Barbieri e le nostre chiacchiere tra concerti nel 2020 e musica

Tempo di Lettura: 4 minuti Tra i concerti del 2020 Vasco Barbieri sarà sicuramente uno dei protagonisti. Eclettico e amante della musica qui la nostra video intervista a Le Mura.

Concerti 2020: Vasco Barbieri. Credit by: Hai sentito che musica

Tra i concerti del 2020 sarà impossibile perdere Vasco Barbieri.

Nato anagraficamente il 6 agosto del 1985,  rinasce il 30 aprile 1993, dopo un coma, che lo riporta allo stato iniziale. A 7 anni torna a casa con gravi danni alla vista e si avvicina al pianoforte eseguendo ad orecchio “Caruso” di Lucio Dalla, senza aver mai suonato prima.Da quel momento la musica diventa per lui un luogo e rifugio sicuro che gli permette di conoscere se stesso e costruire il suo nuovo mondo.

La caratteristiche più evidente di Vasco è senza dubbio il suo entusiasmo verso la musica talmente vivo da catturare qualsiasi persona che si ritrova ad interagire con lui. Difficile non amare il suo modo di raccontare la sua passione ed è davvero un’esperienza ascoltare le sue parole riguardo la sua musica.

Qui la nostra video intervista con un personaggio eclettico e tutto da scoprire.

 

Tra i concerti del 2020 ci sarai anche tu a Le Mura: raccontaci un po’ di te

Io non vedo l’ora di suonare tutto l’album che uscirà il 25 settembre e Love Remains è il terzo singolo dell’album che definirei una rivelazione. Per me perché finalmente potrò suonarlo in publico. Questo album per me è un po’ il passaggio dall’essere ragazzo all’uomo. Ho ricominciato a suonare le canzoni perché tra i concerti del 2020 ci sarà anche il mio il 25 settembre qui a Le Mura.

Parli di album rivelazione per te e per chi lo ascolta. Cosa intendi?

Rivelazione perchè è stato un po’ un gioco di squadra per me. Quando ho conosciuto Maqueta Records con Fernando Alba è stato un incontro di fuoco così come Francesco Santalucia che è stato un punto di riferimento per me e mi ha dato la possibilità di scoprire come sviluppare dei pezzi che avevo scritto solo Pianoforte e Voce. Suonare in pubblico vuol dire un po’ realizzarsi e mi auguro di riuscire ad abbracciare tutti una volta salito sul palco.

Vivere la musica sia come cantautore che come musicista quanto è intenso per un artista?

E’ faticoso, a volte mi metto davanti al pianoforte per questa esigenza di comporre o scrivere. A volte scrivo direttamente sul telefono perchè devo fermare quell’idea. Per me continuare a credere in me stesso è fantastico.

Racconta ai nostri lettori la genesi del tuo primo singolo ” Love Remains”

Love Remains ha avuto dei tempi di gestazione relativamente brevi, se è per questo è arrivata come uno schiaffone improvviso… come tendenzialmente fanno le canzoni che mi rintronano di più. I suoi contenuti, ciò che racconta, sono sempre stati lì sullo sfondo, e ci sono ancora: quella sensazione che non si possa tutto ridurre a spiegazioni razionali, la paura di vivere dentro una bolla di auto-convinzioni… La musica e l’arrangiamento non potevano perciò che essere questi, perché dovevano rispettare quel senso di aleatorietà e inconsistenza in cui puntualmente mi lasciavano le considerazioni del testo. La sua genesi potrebbe essere spiegata con tutta la mia vita o parafrasando quella sensazione che ebbi quando intervenne la prima nota: stavo camminando davanti a un teatro chiuso, accanto a me c’era un’affollata fermata dell’autobus e tante macchine ferme dietro a un semaforo rosso. Questa fu la scena da cui scaturì il mio bisogno di scrivere la canzone.

La copertina digitale della canzone è veramente bella, come nasce la scelta di raffigurare il pezzo in questo modo?

Grazie! L’idea è venuta in un brainstorming  durante la quarantena in cui, insieme alla mia squadra, ci siamo chiesti come effettivamente rappresentare l’Amore cheresta. Subito ci sono venute in mente le orme, quelle lasciate sulla spiaggia, ma queste, a differenza, il mare non poteva portarle via perché erano fortemente legate al terreno e alla storia della propria vita. Poiché questi ricordi sono radicati nel profondo e da questi deriva la linfa che sprona a crescere nel nostro modo specifico. Per cui un cuore protetto dalle radici nel terreno. Il titolo infine doveva rappresentare un passaggio definitivo, perciò questa sua apparente struttura lapidaria, perché in questo modo dimostra come è avvenuta una vera e propria fine di un capitolo e l’inizio di uno nuovo. Pochi elementi, bianco su nero, e un solo colore, il rosso della passione che allude alla voglia di continuare.

Il singolo anticipa il tuo album di inediti, anticipazioni a riguardo?

L’album sarà composto da 10 pezzi, come il massimo dei numeri che può essere contato con le dita delle mani, a indicare un ciclo che si compie. Saranno canzoni pop rock che presenteranno il percorso di un ragazzo che conquista il coraggio di diventare uomo; avranno sonorità in cui confluiranno sentimenti e generi che hanno connotato la mia evoluzione da studente di filosofia, a poeta maledetto, sino a diventare irritate, malinconiche e, verso la fine, auto-ironiche. Un percorso che potrà essere ascoltato con le orecchie, con la mente e con il cuore, perché indica la crescita che ognuno compie nel rendersi conto che, forse, conviene mettere in gioco i propri ideali e confrontarsi propositivamente con gli altri. Queste canzoni sono apparse come consigli e suggerimenti che ho voluto condividere perché credo che là fuori, nel mondo, potrebbe esserci qualcuno che, come me, combatte per intravedere qualcosa oltre i suoi specchi.

Cosa vorresti comunicare a chi ascolta la tua musica?

Vorrei rassicurare dicendo che andrà tutto bene, che il mondo e la vita sono degli orizzonti molto più ampi di quelli che crediamo e ci viene detto. Vorrei parlare con i bambini nascosti dietro le armature di abitudini di cui crediamo di avere bisogno per sopravvivere in questo mondo, e cantare che non è così, non è come si crede: il mondo è una questione di tonalità e sta a noi scegliere ogni mattina di che colore vogliamo tingere gli eventi che ci accadono.

Avete già letto la nostra intervista a Tarsia? Qui il link!

(Visited 61 times, 1 visits today)
Ultima modifica: 17 Luglio 2020
Chiudi