Written by 13:14 Il taccuino di Francesca • One Comment

Ligabue, “77 + 7” per trent’anni di carriera

Tempo di Lettura: 2 minuti L’appuntamento con Il Taccuino di Francesca a cura di Francesca Binfarè ha protagonista Ligabue e la sua immensa raccolta di musica 77+7

Ligabue. Credit by: Ray Tarantino

Di Ligabue mi piace il suo modo di raccontare, con le canzoni, i libri, i film, e anche di persona. In occasione dell’uscita della raccolta “77 + 7” (77 singoli amatissimi più 7 brani inediti, pubblicati anche in un album a parte intitolato appunto “7”) il tutto è avvenuto online, ma le parole e la capacità di Ligabue di fartici sentire dentro non ne hanno risentito.

Si stava parlando dei trent’anni di carriera, della grande festa che avrebbe dovuto fare a Reggio Emilia e che per ora è fissata per il prossimo 19 giugno. Si parlava di concerti, del primo, “Con 100 persone di pubblico che erano amici miei e amici degli Orazero (la band con cui suonava, nda), una domenica pomeriggio con condizioni che rasentavano il ridicolo. Però mi ricordo ancora quell’emozione lì”. Ecco, Ligabue che conclude una frase con “lì”, è proprio il Liga.

Ligabue - Credit by: Ray Tarantino

Ligabue – Credit by: Ray Tarantino

Ma insomma, dicevamo, “Il concerto è la cosa che più conta, su cui punto sempre. Non potendo suonare, con questa pandemia abbiamo potuto guardare al passato. Così ho verificato che ho pubblicato tanto, forse troppo, come potete vedere anche nel libro (“È andata così”, autobiografia artistica del Liga scritta con Massimo Cotto, nda). Se non puoi guardare avanti guardi indietro, dicevo, e nel libro racconto la mia storia attraverso i miei occhi, cosa che ho fatto per la prima volta. In media in 30 anni ogni 5 mesi è uscito un pezzo mio, quindi sì, pure troppo. Io nel frattempo mi sono reso conto che questi singoli sono 77. Guarda caso dall’archivio sono saltati fuori 7 semi dal passato, da cui sono nate canzoni nuove. Il 7 è sempre stato il mio numero preferito ma c’è dietro anche una storia, che in tanti conoscono già”.

Ligabue e il racconto della sua musica

Beh, un racconto di Ligabue su se stesso, anche se risaputo, va gustato: “Due anni dopo “Buon compleanno Elvis” mi arrivavano ancora lettere scritte a mano. Tra queste ne leggo due, di due numerologhe, che mi hanno fatto sapere che io sono un 7 che cammina perché Luciano si compone di 7 lettere, come Ligabue; San Luciano è il 7 gennaio, le mie iniziali rovesciate sono un 7, il mio primo concerto l’ho fatto nel 1987, nel 1997 il primo stadio, la mia canzone più popolare è “Certe notti”, traccia numero 7 di “Buon Compleanno Elvis”. E mi hanno elencato un’altra decina di coincidenze. A volte questo numero lo abbiamo usato come pretesto: ad esempio per L7 tour, con 7 concerti nella stessa location. Incrociamo le dita e speriamo che ci porti bene”.

Ligabue - Cover album

Ligabue – Cover album

Avete letto l’ultimo Taccuino di Francesca su Claudio Baglioni? Qui il link

(Visited 22 times, 1 visits today)
Ultima modifica: 11 Dicembre 2020
Chiudi