Written by 10:38 Il taccuino di Francesca

Maneskin, altro che “Zitti e buoni”

Tempo di Lettura: 2 minuti Maneskin e tutti i loro successi. Da un Sanremo che li ha visti vincitori quasi a sorpresa fino all’Eurosong Contest. Come proseguiranno?

Maneskin_Credit by:www.idealia.it

“Zitti e buoni” ha vinto il Festival di Sanremo e l’Eurovision Song Contest. La canzone e il disco da cui è tratta, “Teatro d’ira – Vol 1”, sono disco di platino. Il brano per la precisione è doppio platino, per ora: attendiamo le nuove certificazioni.

Intanto, possiamo confermare per i Maneskin un record su Spotify, ottenuto sempre grazie a “Zitti e buoni”: è infatti il primo brano italiano con più ascolti di sempre, ed è entrato nella top 50 di molti paesi (in 13 al numero 1). Leggendo i numeri, in 24 ore ha raggiunto quasi 4 milioni di stream. La cosa significativa però è che per la prima volta in assoluto un brano italiano sia entrato nella top 10 globale: “Zitti e buoni” è stata la più alta nuova entrata, e si è piazzata al nono posto. Tanto di cappello, si dice. Il traguardo, pronto a essere superato naturalmente (mai porre limiti), tra l’altro è stato raggiunto da un gruppo rock. Adesso, non stiamo qui a farne una questione di lana caprina, vivisezionando ogni suono e ogni strumento. I Maneskin sono arrivati dove sono arrivati senza essere alfieri del belcanto all’italiana. Perché nel mondo siamo ancora spessissimo visti così: quelli del belcanto, esclusivamente o quasi. Da noi all’estero se non questo per lo meno cercano le grandi voci, le melodie ariose, Modugno che spalanca le braccia. Che va benissimo (bisogna essere riconoscenti di quanto è stato e viene ancora fatto da grandi artisti), ma non siamo solo quello.

È significativo che a mostrare una faccia diversa dell’Italia musicale siano stati prima in parte Mahmood e poi i Maneskin, sempre all’interno di quell’Eurovision Song Contest a cui noi non abbiamo partecipato per anni. Spesso visto che come trasmissione trash, dobbiamo rendere atto di averci musicalmente svecchiati parecchio. E questo ci rimanda al Festival di Sanremo, quello che in tanti quest’anno non avrebbero voluto fare. Sliding door interessante, non trovate? Vediamo da qui in poi cosa faranno i Maneskin: di certo, fermi non staranno.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Ultima modifica: 23 Giugno 2021
Chiudi