Written by 11:50 Sanremo

Conferenza Stampa Malika Ayane

Tempo di Lettura: 2 minuti Malika Ayane racconta la sua esperienza al Festival di Sanremo con il suo brano Ti piaci così e dell’uscita dell’Album Manifesto.

Malika Ayane_Credit by:Julian Hargreaves

Piovono complimenti per Malika Ayane e la sua performance in questo Sanremo 2021, la canzone la rappresenta molto e si vede durane tutte le esibizioni.

Tra le prime domande c’è il fattore “resa vocale”, perchè spesso sul palco dell’Ariston in questi giorni ci sono stati dei problemi. Malika in questo è una professionista e l’elemento vocale come “bel canto” è per lei ancora fondamentale quando si tratta di musica.

Si pensa all’Eurovision nel caso dovesse vincere Sanremo. Il sogno di Malika Ayane sarebbe realizzare un bellissimo collage di lingue diverse da utilizzare per il suo brano. Sarebbe sicuramente stupenda su quel palco.

Malika Ayane credit by: Julian Hargreaves

Malika Ayane credit by: Julian Hargreaves

Sull’album Manifesto (che uscirà per Sugar il 26 marzo 2021 in vinile, CD e su tutte le piattaforme streaming e download) dice che si tratta di una fusione tra narrazione ed emozioni, e questo è stato possibile per il lavoro con tanti italiani che hanno contribuito come Pacifico, Leo Pari, Colapesce DiMartino. Il risultato finale è stato un album in cui è facile immedesimarsi ed è molto intenso. Dal punto di vista musicale è stato fatto un lavoro di ricerca sull’estetica contemporanea della Francia. L’album rimane caldo pur mantenendo delle sonorità nordiche.

Il brano di Sanremo è un po’ un inno per chiunque, “Ti piaci così” è ciò che tutti noi dovremmo dirci. Non le piace il discorso di accettazione, ma piuttosto parla di glorificazione di sé. Dobbiamo amare tutto ciò che succede perchè è un modo per amare se stessi.

La voglia di esprimersi e di raccontarsi arriva da un percorso. Essere bravi ad esempio non significa solo essere accademici e precisi, ma anche lasciarsi andare. Ma queste consapevolezze arrivano dalla consapevolezza che il tempo non è eterno ed è necessario dare la giusta importanza ad ogni momento, altrimenti non ne vale la pena vivere.

Nel disagio generale ognuno ha gridato il suo disagio e purtroppo per i lavoratori dello spettacolo è emerso che non sembravano non esistere per questa società, ma alla fine ognuno ha avuto i propri problemi. Qualcosa sta cambiando e da inguaribile ottimista Malika Ayane è convinta che succederà. L’assenza di pubblico anche sta facendo cambiare la prospettiva, come ad esempio la regia durante il Festival che ha ovviamente cambiato le riprese in una prospettiva maggiormente focalizzata al palco e all’artista che alla platea.

In bocca al lupo!

 

 

(Visited 1 times, 1 visits today)
Ultima modifica: 6 Marzo 2021
Chiudi