SIAMO CREPE DORATE IN UN VASO DI UMANITA’

Seconda parte dell’intervista a Daniele Magro. Ricordiamo che è possibile leggere la prima parte sul nostro blog “Hai sentito che musica”, nell’articolo di lunedì 15 gennaio 2018. 

Stavamo parlando di onestà nello scrivere un testo. Da ascoltatrice posso confermare che quando una canzone è vera ed il progetto è autentico si sente! Io mi sono scritta molte frasi della tua canzone, una mi ha colpito particolarmente: “Siamo crepe dorate in un vaso di umanità” che riprende la filosofia giapponese del kintsugi (金継ぎ)…

Esatto! Questa tecnica orientale che prevede la riparazione di oggetti in ceramica con una colatura d’oro, quasi per celebrare l’imperfezione. Io mi sono ispirato a questa filosofia nello scrivere questo pezzo.

Io potrei stare due ore a parlare della tua canzone perché è davvero un bel pezzo! Noi amiamo molto il mondo degli autori e scoprire brani del genere è sempre molto bello, soprattuto a livello di emozioni…

Ti ringrazio e la cosa che mi fa più piacere è vedere che molte persone mi hanno un po’ detto lo stesso e stanno apprezzando la canzone. Poi uscire con un proprio singolo cantato da me è un po’ come ripartire da zero, sicuramente le cose che ho fatto mi hanno permesso di arrivare a questa canzone, ma leggere commenti di persone che si ritrovano nella canzone, che mi dicono che sono stati aiutati in questo periodo dalla mia canzone è un riconoscimento che vale più del platino!

Anche la copertina del singolo l’hai curata tu?

Si l’ho scelta io con il mio gruppo di lavoro. Abbiamo scelto una foto un po’ particolare, il viso si vede poco e le braccia sono incrociate. Se quindi troviamo una sorta di chiusura nella braccia verso più che altro le cose negative che si vogliono allontanare, dall’altra parte c’è un sorriso sul viso che accoglie. Anche il colore rosso ha sia il significato dell’amore, della passione ma anche richiami ad elementi più viscerali quali il sangue ed emozioni forti.

E’ molto diversa dalla copertina del tuo singolo precedente, quello con cui sei uscito da X-Factor: “NO”

E’ vero, lì avevo l’immagine più di un adolescente: colorata, vestito con camicie colorate. Sono anche in quel modo e il fatto che abbia scelto un’immagine un po’ più minimal non significa che sono diventato un serioso, ma volermi mostrare per come sono. Non c’è infatti un lavoro di photoshop sulle immagini. Sono anche passati 10 anni e ho fatto un cambiamento di testa e ovviamente artistico. Anche il video è in bianco e nero, soltanto con la mia figura e vestito in modo semplice, sempre per presentarmi come me stesso, per quello che sono adesso.

Ultima domanda per concludere l’intervista: cosa ascolta Daniele Magro?

Io ascolto di tutto, anche se poi le cose che vado a cercare non si allontanano da quello che ho sempre ascoltato. Ho una passione per R’nb e per il Soul americano, ma soprattutto quello inglese, gli ultimi fenomeni musicali usciti come Adele, Sam Smith di cui sono un grandissimo fan e spero che si respiri un po’ questa influenza nella mia musica. A questo aggiungo un grande amore per il cantautorato italiano come Lucio Dalla che per me è stato un innovatore unico in questo senso. Amo molto il jazz, adoro Nina Simone, Sarah Vaughan, Mike Davis quindi tutta la scena, non solo di cantanti jazz ,ma anche di jazzisti veri e propri.

RICORDIAMO CHE E’ POSSIBILE ASCOLTARE IL NUOVO SINGOLO DI DANIELE MAGRO CUOREARMATO IN TUTTE LE PIATTAFORME DIGITALI. ETICHETTA DISCOGRAFICA SKYLINE MUSIC PUBLISHING E DISTRIBUITO DA A1.

YOUTUBE: https://www.youtube.com/watch?v=rDs49kIMu78

SPOTIFY:

Daniele Magro copertina
Annunci

Rispondi