Tutti ne parlano, alcuni lo criticano, altri lo elogiano, ma ormai è indiscusso che Amici di Maria De Filippi sia probabilmente il talent più chiacchierato dal pubblico e non solo.     E’ un dato di fatto anche che i ragazzi che escono da Amici hanno spesso successo, infatti ogni anno i ballerini hanno grandi opportunità di lavoro e i cantanti con i loro cd svettano le classifiche musicali e radiofoniche.                                                                               Quest’anno i finalisti di Amici sono : Einar, Irama, Carmen e Lauren.                Noi ci soffermeremo a parlare dei tre cantanti, ricordiamo però che Lauren ha già vinto la categoria ballo ed è in gara per la finalissima.                               Avete già acquistato i CD dei tre ragazzi o siete curiosi di ascoltarli?                        Qui commentermo cercando di andare nei dettagli musicali i loro album.

Iniziamo questo percorso con Einar:

Il suo EP, composto da 7 canzoni si chiama Einar, come il suo nome.               Ricordiamo che  il ragazzo ha un contratto discografico con la Sony.             Il fatto che il CD si chiami Einar a mio avviso, già ci fa capire tanto riguardo il suo progetto musicale e discografico: sarà un lavoro personale, il più possibile autentico e vero, rispecchierà il vero Einar.                                                  Devo dire che è riuscito davvero in questo, dalle canzoni, dai testi, dalle melodie si riesce a percepire l’anima di questo ragazzo, un pò timido, introverso e malinconico, ma con lo sguardo rivolto sempre alla speranza e all’amore. Ma chi è Einar?  E’ un ragazzo nato a Cuba, arriva in Italia a 9 anni e vive a Brescia, prima di entrare nel programma faceva l’operaio.              Il suo inedito di punta si intitola Salutalo da parte mia, singolo scritto dal bravissimo e noto autore Daniele Magro.                    Brano dolce, molto orecchiabile, con una vena di malinconia e romanticismo dove si percepisce a pieno la penna delicata ma estremamente efficace di Daniele Magro.                                                          La voce di Einar si sposa qui a pieno con la melodia e con le parole della canzone.                                                 Molto bella e piena di significato è anche la seconda canzone Chi ama non dimentica, consiglio a tutti di ascoltarla col cuore.                                                         Non c’è è scritta dallo stesso Einar, qui troviamo melodie pop, leggere con un nananana che ci fa compagnia in tutto il brano.                                                     Notte d’agosto è scritta da Tony Maiello, vincitore delle nuove proposte di Sanremo del 2010 ed è un brano estivo pop con sonorità anche da discoteca.    Preferisco comunque l’Einar più malinconico e riflessivo delle precedenti canzoni.                                Dopo questi 3 inediti troviamo 4 cover: Il diario degli errori di Michele Bravi, in cui Einar riesce a fare una sua versione diversa da quella di Bravi, Giudizi universali di Samuele Bersani da cui viene fuori anche il lato più cantautorale e meno pop del cantante, per ultima ma non di meno importanza Io che amo solo te dove il timbro unico di Einar esplode in modo totale.

Voto Ep Einar: 8 .

Irama:

Il suo nuovo EP si chiama The plume ed è pubblicato con la casa discografica Warner.                                        Comprende 7 brani inediti tutti scritti da Irama stesso.                                             Irama, nome d’arte per Filippo Maria Fanti è infatti un cantautore, ha partecipato già ad alcuni concorsi importanti come: Sanremo giovani nel 2016 e sempre nello stesso anno alla quarta edizione del Coca Cola Summer Festival vincendo la sezione giovani con Tornerai da me.                                       Nel 2016 aveva già pubblicato un album di inediiti di nome Irama.         Non è facile entrare nel mondo musicale di Irama, ragazzo dalla personalità versatile e molto complessa, proviamo ad analizzare The plume.       L’EP si apre con Che ne sai canzone leggera, orecchiabile e molto gradevole all’ascolto, un buon modo quindi di iniziare un nuovo CD, dopo passiamo a Un giorno in più, brano più complesso del precedente.                                         Un giorno in più è dedicata al padre al quale si rivolge sin dall’inizio con frasi potenti come Quante cose che non sai, quante cose ti direi… la tua vita non la farò mai, tu mi dici te la caverai …. mi hai insegnato a perdere… mi hai insegnato a vivere, ora devi farlo anche tu.                                                               Tutto questo è accompagnato da un ritornello forte , potente e a tratti struggente, questo inoltre potrebbe essere un brano molto adatto anche per Sanremo.                                                        La vera grandezza del brano è che ognuno può vederci e immaginarci quello che vuole.                            Passiamo a quello successivo  Che vuoi che sia, brano delicato e molto dolce racconta una vera e propria storia, qui infatti possiamo apprezzare il vero Irama cantautore, molto piacevole la chitarra che accompagna il brano e la voce del ragazzo dall’inizio.                    Lo special è a mio parere il pezzo forte del brano dove con parole come                 Io che non credo al paradiso nè a storie inventate, ma di una cosa sono certo, un po mi da conforto che due persone non si possono dividere finchè esisterà il ricordo.                                                 Queste sono parole che staccano dal resto della storia del brano, sono una riflessione su quanto sta succedendo e invitano l’ascoltatore a pensarci sù.        Torniamo a ritmi più leggeri con Nera, singolo estivo e pienamente radiofonico, qui si sente la spensieratezza di Irama giovane 23 enne, sono sicura che sentiremo Nera questa estate molto molto spesso.  Andiamo avanti con Voglio solo te canzone romantica ma per nulla banale, una dichiarazione sui propri limiti come si percepisce da Se ho toccato il fondo era solo per stare con te.  Il penultimo brano è Per sempre: qui Irama si apre e afferma che lui cerca poesia e una storia d’amore vera, ma anche che non crede all’eternità e al per sempre.                                                  Tutto è accompagnato da un ritornello molto piacevole, ironico e orecchiabile, un brano che è un mix tra il leggero pop e il cantautorato più riflessivo.                  Concludiamo questo viaggio con Un respiro: cuoriso che Irama abbia finito il suo album con questa canzone che inizia così: Un respiro si toglie solo se il cuore ti batte di più, come se alla fine di questo album avesse il cuore talmente agitato da fargli togliere il respiro, ma ancora deve poter respirare per cantare la sua ultima canzone.                                  Qui la sua voce sembra ancora più incisiva e potente del solito, bellissimo modo per finire l’album.                              Consiglio a tutti di dare una possibilità di ascolto a questo giovane cantautore, ne vale davvero la pena.

Voto Ep The plume: 9,5.

Carmen:

Classe 2000, Carmen, unica cantante donna in gara ha un contratto discografico con la Universal con la quale ha fatto uscire il suo primo EP : La complicità.                                       Iniziamo proprio con questo primo singolo che da titolo all’intero lavoro, La compicità è un singolo scritto da Amara, grande autrice musicale di alcuni dei più bei testi musicali più recenti nel panorama italiano, insieme a lei anche Salvatore Mineo e Carlo Avarello.            Il brano è molto potente e arriva subito dritto al cuore, deve la sua forza ai bassi profondi della voce di Carmen che ricorda col suo timbro tonalità un po blues o da black music.                              Il testo molto incisivo è accompagnato da questo ritornello orecchiabile che è la vera forza della canzone.                        Bellissimo lavoro musicale, è proprio il caso di dire che anche io da cantante interprete vorrei tanto ricevere un brano del genere e farlo mio.              Amara non sbaglia un colpo!                       Il secondo singolo è Tra le mani, qui la voce di Carmen inizia tra i bassi e poi raggiunge toni più alti anche rispetto alla Complicità.                                        Con questa canzone siamo nel vero pop, a tratti mentre la si ascolta si possono avere somiglianze di voce e di genere con Loredana Bertè, unica pecca: la canzone dura troppo poco e finisce improvvisamente senza nessun preavviso o sfumatura vocale o musicale.                                                    Dopo abbiamo Quando finisce un amore cover tratta da Riccardo Cocciante, si percepisce a pieno che Carmen ama questa canzone e che l’ha scelta davvero lei per poterla inserire nel suo EP.          In questa cover Carmen da tutta se stessa e non si risparmia per nessun motivo, con la sua grinta qui mi ha ricordato la versione di Bella senz’anima di Emma.                                  Abbiamo poi un altro singolo inedito: Scelgo te scritto da Noemi Bruno, Lorenzo Vizzini, Carlo Avarello, Fabio Barnaba.                                               Una grande squadra quindi per questo brano, che potrebbe essere il singolo estivo di Carmen.                                         Lo special ricorda fortemente sonorità e vocalità di Ultimo, (vedi special del Ballo delle incertezze) qui infatti Carmen da prova anche di avvicinarsi al mondo più rap anche se il brano rimane fortemente pop.                                           Il quinto brano è Non sarà facile brano un po meno orecchiabile che copre più generi e per questo rimane più complicato all’ascolto.                                Questa difficoltà è un po smorzata dal ritornello, qui la protagonista è sempre la voce di Carmen che raggiunge molta potenza sia nei bassi che negli alti.            In seguito I know where I’ve been cover tratta dal musical Hairspray si sposa benissimo con la voce di Carmen, è una scelta molto ricercata che fa vedere anche la cultura musicale varia della cantante che ricordiamo ha solo 18 anni.                                                            Qui la sua voce può concedersi virtuosismi tecnici che magari con il pop non gli permette.                                    Make you feel my love, cover di Adele, conclude l’EP di Carmen.                            In effetti con la sua potenza vocale non poteva di certo mancare una cover della talentuosa Adele.                                 Quindi riassumendo La complicità contiene 3 inediti e 4 cover.    In bocca a lupo Carmen per il futuro!

Voto La complicità: 7 

BUONA FORTUNA A TUTTI I RAGAZZI DI AMICI DALLO STAFF DI HAI SENTITO CHE MUSICA E CHE VINCA IL MIGLIORE !

Annunci

Rispondi